Dritto, se ti prepari bene colpisci meglio!

Il dritto è il colpo che viene utilizzato maggiormente durante una partita e per questo merita molta attenzione per riuscire a creare un’arma vincente.

Sul dritto abbiamo pubblicato molti articoli (clicca qui per vederli) ma oggi abbiamo deciso di andare nello specifico della preparazione, ossia la parte che precede l’impatto. Ogni colpo a rimbalzo è composto da varie fasi ma alcuni tennisti si concentrano troppo sull’impatto e poco o nulla sulla preparazione, invece dovrebbe essere il contrario perché se preparo bene il colpo allora l’impatto sarà ottimale.

I ragazzi di Essential Tennis hanno pubblicato nel loro canale YouTube un video molto interessante dove forniscono 3 consigli sulla preparazione del dritto e ho deciso di “tradurveli” in italiano sperando che possano esservi d’aiuto per riuscire a colpire la palla con più fluidità e spinta.

ATTENZIONE: vi consiglio di leggere l’articolo fino in fondo e cliccare sul link presente nel primo commento. C’è una sorpresa per voi firmata Essential Tennis!

Per riuscire a giocare un dritto spingendo la palla in avanti è essenziale:

  • RUOTARE le SPALLE. Sorreggere la racchetta usando il braccio non dominante, ruotare le spalle e portare la mano libera in posizione parallela alla linea di fondo campo. In questa maniera si riuscirà a ruotare il tronco e creare spazio laterale per colpire la palla.
  • CATENA CINETICA. Dopo il caricamento, nella fase di spinta verso avanti è essenziale trasferire il peso del corpo da dietro verso avanti e ruotare le spalle verso la rete tenendo la racchetta che punta verso dietro. Così facendo si aumenterà la velocità della racchetta.
  • PUNTO d’IMPATTO. L’impatto della pallina deve essere davanti al corpo e laterale, con le spalle che guardano la rete.

 

Infine, vi consiglio di dedicare 5′ alla visione del video integrale di Essential Tennis perché ne vale veramente la pena!

 

E tu come giochi il dritto?

Scrivilo nei commenti qui sotto e ne discuteremo assieme!

 

One Response

  1. Marco Magro 23 Novembre 2017

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.