Wimbledon, perchè Novak Djokovic ha vinto contro Matteo Berrettini?

Novak Djokovic ha vinto il torneo di Wimbledon battendo in finale Matteo Berrettini con il punteggio di 6-7/6-4/6-4/6-3 arrivando a 20 Slam vinti come Roger Federer e Rafael Nadal.

Se hai visto la partita avrai notato che all’inizio entrambi i giocatori erano contratti, commettendo degli errori che possiamo definire superficiali. Ma andando avanti con la gara sia Djokovic che Berrettini hanno aumentato l’efficacia dei loro colpi e Djokovic, nei punti importanti, ha messo la “quinta marcia”.

Le partite di tennis però vengono analizzate anche in base ai numeri, alle statistiche e Craig O’Shannessy è il tecnico che analizza tutta questa mole di dati cercando di capire quali sono i punti di forza e di debolezza dei vari giocatori. Relativamente a Novak Djokovic nel torneo di Wimbledon 2021, O’Shannessy ha elencato 10 motivi per i quali ha vinto il prestigioso titolo.

Ma cosa possiamo imparare da questi dati?

Prima di proseguire con l’argomento ti consiglio di  iscriverti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sui contributi che pubblichiamo e per vedere, tra le altre cose, la rubrica settimanale TOP 5 Video con i migliori 5 video pubblicati da altri insegnanti.

Inserisci la tua email qui sotto, torna indietro per continuare a leggere l’articolo e poi ricordati di controllare la tua casella email per confermare l’iscrizione e ricevere tutti i contributi riservati.

VIDEO. In questo video, caricato nel nostro canale YouTube (iscriviti se non l’hai ancora fatto), analizziamo l’importanza di servire bene verso il dritto dell’avversario per poi spingere verso il lato vuoto. Schema di gioco che ha permesso a Novak Djokovic di mettere in difficoltà Matteo Berrettini con un‘efficacia quasi del 100%.

WIMBLEDON 2021. Se hai qualche minuto ti invito a guardare gli highlights della finale di Wimbledon 2021 tra Djokovic e Berrettini.

Video di Wimbledon

SERVIZI. Se hai piacere di scoprire i vari servizi che offriamo nel nostro sito giocareatennis.it, clicca sull’immagine qui sotto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *