Allena il rovescio in slice, da solo!

Il rovescio in slice, comunemente chiamato rovescio in back, è un tipo di rovescio che viene usato molto spesso tra i giocatori di club e nei tornei di 4^ categoria.

Perché? Questo rovescio dà alla pallina una rotazione tale da muoversi con una traiettoria bassa e dopo il rimbalzo schizza verso il basso. In questa maniera l’avversario dovrà gestire una pallina bassa e che accelera dopo il rimbalzo. Una situazione non proprio ideale per giocare un vincente o costruire il punto in totale sicurezza. Del rovescio in slice ne avevamo parlato anche in un precedente articolo, clicca qui se vuoi rivederlo.

Oggi desidero aggiungere qualcosa in più, ossia come allenare da solo il rovescio in slice.

Per farlo condivido con te questo contributo video che Nadim Naser di Online Tennis Instruction ha pubblicato nel suo canale YouTube. Un video semplice ed esaustivo che ti permetterà di allenare e quindi migliorare il rovescio in slice mettendo in seria difficoltà i tuoi avversari.

Partiamo dagli elementi fondamentali:

  • impugna la racchetta con la continental, clicca qui se vuoi saperne di più;
  • tieni il braccio che sorregge la racchetta distante dal corpo e alto quanto le spalle, con il polso piegato a 90° ;
  • tieni il braccio disteso ed il polso fermo durante tutta l’esecuzione del colpo. Prima, durante e dopo l’impatto.

Come allenarlo? Mettiti vicino al corridoio, lanciati qualche pallina e colpiscila col rovescio in slice. L’obiettivo è tirarla dall’altra parte del campo dentro al corridoio. Per riuscirci dovrai fare attenzione agli elementi tecnici visti prima: impugnatura continental, partenza alta e movimento verso avanti della racchetta. Dopo l’impatto la racchetta dovrà rimanere dentro al corridoio.

Ma i giocatori professionisti come giocano il rovescio in slice? Qui di seguito puoi vedere all’opera la nostra Roberta Vinci e la tennista polacca Agnieszka Radwanska:

One Response

  1. Marco Magro 14 Febbraio 2018

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.