Rovescio, prima ruota le spalle

Il rovescio ad una mano è un colpo spettacolare!

Immagino che anche tu rimanga estasiato nel vedere il rovescio giocato a tutto braccio da Roger Federer, Stan Wawrinka o Grigor Dimitrov. Oltre alla potenza e all’angolazione, il movimento del rovescio ad una mano ha una eleganza che è difficile da spiegare a parole. Non me ne vogliano i tennisti che giocano il rovescio a due mani, tra i quali mi ci metto anche io, ma il rovescio ad una mano ha un’aurea immacolata, classica che è intramontabile.

Ma tutti i colpi belli, puliti, corretti tecnicamente ed efficaci tatticamente richiedono molto lavoro per essere appresi. Un lavoro certosino di pulizia per eliminare quei piccoli difetti che ci impediscono di colpire la palla nel migliore dei modi.

Il difetto principale dei tennisti principianti che giocano il rovescio ad una mano è l’assenza di rotazione del busto.

La rotazione delle busto è un elemento tecnico importante che deve essere fatto prima di correre verso la palla, in maniera tale da riuscire a creare energia per poi rilasciarla sulla pallina al momento dell’impatto.

Tiziano de Tommaso di Tennis Winner Game ha pubblicato un interessante video nel suo canale YouTube dove illustra questo concetto.

UNIT TURN. Tiziano parla di Unit Turn, ossia quella rotazione del busto da fare durante la fase di caricamento. Per ruotare bene il busto e le spalle possiamo sorreggere la racchetta con la mano sinistra, o destra se siete mancini e poi girare.

Dopo aver effettuato la unit turn, quindi dopo aver girato il busto, sarà sufficiente spostarsi verso la palla ed andare all’impatto.

In questo video pubblicato da Tennis Passion puoi vedere alcuni punti vinti da Roger Federer con il rovescio.

Vogliamo parlare della potenza del rovescio di Stan Wawrinka? Eccolo all’opera in questo video di Tennis in Real Life:

Infine, sei hai qualche capello bianco, di sicuro avrai ammirato i rovesci di Guga (Gustavo) Kuerten!

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.