Come giocare il dritto in movimento?

La maggior parte dei giocatori di tennis si muove molto bene lateralmente. Specie sulla terra rossa perché si riesce a scivolare.

Ma come la mettiamo quando stiamo giocando su una superficie dura e dobbiamo giocare un dritto in corsa e la palla ci sta mandando fuori dal campo?

Molti giocatori principianti, quando devono giocare un dritto laterale, tendono a colpire la pallina in posizione closed stance o neutral stance, ossia con la gamba anteriore che incrocia quella posteriore (closed stance) oppure con la gamba anteriore in linea con la gamba posteriore (neutral stance). Il motivo è molto semplice.

Quando stiamo imparando a giocare a tennis la posizione ideale nella quale colpire la pallina è quella con i piedi allineati, paralleli alla rete (neutral stance) perché così riusciamo ad avere maggior stabilità e spinta lineare verso avanti. Quindi la palla va profonda.

Però quando iniziamo a spostarci, passando da una situazione abbastanza statica ad una più dinamica, tendiamo a fermarci in neutral o closed stance perché ci è stato insegnato così. Ed è comprensibile.

Se invece giochiamo da qualche tempo, magari sulla terra rossa, sicuramente ci sarà capitato di colpire la palla di dritto nella cosiddetta open stance, quella posizione dove i piedi sono larghi e arriviamo sulla palla mettendo avanti il piede destro (il sinistro per i mancini). In una situazione del genere dobbiamo ruotare il busto per creare energia in quanto tenendo le gambe dritte e rigide non riusciremo a produrre spinta dal basso per rilasciarla poi sulla palla.

Per riuscire a gestire le palline laterali, che colpiamo in movimento, sarebbe meglio fare attenzione a due aspetti: spostamento dei piedi e traiettoria della pallina.

I ragazzi di Essential Tennis hanno illustrato molto bene questo concetto in un video caricato recentemente nel loro canale YouTube.

SPOSTAMENTO: la chiave dello spostamento laterale sta nel colpire la pallina in posizione di open stance dinamica. Fermarsi con la gamba esterna (destra per i destrorsi e sinistra per i mancini), piegarla leggermente, saltare un pochino, atterrare sulla gamba interna e poi recuperare la posizione a centro campo con un passo incrociato. Quindi non dobbiamo bloccarci al momento dell’impatto ma lasciare che i piedi facciano un passo in più, in maniera fluida, senza interrompere bruscamente la corsa verso la pallina.

In questa maniera il movimento sarà più dinamico, riusciremo a sfruttare l’energia della palla in arrivo, a contrastare la spinta esterna e recuperare velocemente la posizione al centro del campo.

Per imparare questo spostamento puoi utilizzare una progressione fatta da 3 step, tre passi:

  1. mettiti in posizione open stance e fai un movimento a vuoto del dritto cercando di piegare la gamba esterna, “colpire la pallina” e atterrare sulla gamba interna;
  2. ripeti quanto sopra lanciandoti la palla;
  3. esegui tutto il movimento con un amico o un lancia palle che ti lanciano la pallina esterna.

DIREZIONE. Quando mi sposto lateralmente e colpisco la palla vicino alla linea del singolo un errore comune è quello di tirare la palla in direzione lungo linea ed il 90% delle volte la nostra palla finisce in corridoio. Oppure troppo centrale lasciando il campo libero al nostro avversario.

La soluzione ideale è quella di giocare una palla alta ed incrociata. Così facendo avremo il tempo per recuperare posizione nel centro del campo e terremo l’avversario oltre la linea di fondo.

In questo video puoi vedere in allenamento Roger Federer e Kei Nishikori agli US Open. Entrambi nel dritto utilizzano la posizione dei piedi neutral stance o open stance dinamica in funzione della pallina in arrivo. Quando Nishikori colpisce la palla in posizione open stance statica, generalmente sbaglia il colpo.

Infine in questo video puoi vedere il campione bulgaro Grigor Dimitrov utilizzare tutte le posizioni per quanto riguarda il dritto, compresa l’open stance dinamica che hai visto qui sopra:

 

Hai qualche dubbio o domanda su queste posizioni?

Scrivilo qui sotto nei commenti o all’indirizzo info@giocareatennis.it!

4 Comments

  1. Roberto 31 Maggio 2018
    • Marco Magro 31 Maggio 2018
  2. Roberto 31 Maggio 2018

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.